•  

Elisa Palermo la voce brown calabrese.

"Made in Calabria": sport, arte, musica, spettacolo a cura di Anna Zupi

Elisa Palermo più conosciuta come "Elisa Brown" nasce a Cosenza il sei Giugno del 1982. La sua vita è un viaggio, come lei stessa sostiene, "alla ricerca delle numerose meraviglie della Voce e del Canto".  Elisa, ragazza semplice e solare, una guerriera che più volte è caduta e si è rialzata riscoprendo i suoi talenti e facendone la sua forza. La stessa giovane decisa e ribelle che pur di seguire il sogno dell'arte e della musica decide di licenziarsi e lasciare "la scrivania".
La sua cultura musicale la deve a suo padre il quale le faceva ascoltare vinili di musica anni '60, rock, black e tanto altro; gli stessi che le portava a casa dalla radio in cui lavorava. "Sono sempre stata quel tipo di bambina che gli altri definivano "strana", una di quelle  che parlava e giocava con gli alberi, vista l'infanzia vissuta in campagna, o che si chiudeva in casa ad ascoltare musica e guardare la tv. Non mi interessavano i trucchi nè le scarpe e i vestiti alla moda" afferma la Brown.  Il suo repertorio musicale era abbastanza vario, da Jon Bon Jovi al suo più grande amore: quello per la musica afro-americana in tutte le sue sfaccettature (Gospel, R&B, Soul, Blues, Jazz, Funk, Motown).
La carriera di Elisa inizia sui banchi delle scuole superiori quando è chiamata ad esibirsi con il gruppo artistico del "Pezzullo". Canta da autodidatta e continua con diverse band da solista. "La mia prima esibizione da lead vocal è stata sul palco del Beat di Cosenza, chi se lo scorda!" I progetti musicali della giovane cantante le consentono di essere ospite in alcuni tra i festival Jazz e Blues più importanti come Divino Jazz, Peperoncino Jazz Festival, Le Colline del Jazz, Capotirone in Jazz, Blues in Town, Borgo in Blues.

                                                                                  

" Per mia natura non ho mai amato la competizione, ma ho assaporato il brivido di partecipare a numerosi  concorsi canori" sostiene la Palermo. 

 Nel 2008 più di tremila giovani talenti competono per il "Premio Tour Music Fest", la finale sul palco del Pipper di Roma sul quale Elisa vincerà il primo posto come miglior interprete. Il premio è  una coppa consegnato direttamente da Mogol mentre il vocal coach ,Luca Pitteri, le assegnerà una borsa di studi.    Non tardano ad arrivare le presenze nelle reti televisive locali e nazionali come "Mezzogiorno in Famiglia" (Rai 2, Maggio 2011) dove Elisa sarà accompagnata e diretta dall'orchestra del Maestro Mazza .
Un crescendo di esperienze e di emozioni che maturano la consapevolezza nella cantante di poter osare ancora un po'.  Da Cantante e performer nel 2011 ritroviamo Elisa Palermo per la prima volta nel ruolo di cantautrice con il brano "Give me some peace" scritto a quattro mani con Alessio Iorio per la cantante americana Amy Coleman. 

Il talento di Elisa è ormai venuto fuori e le collaborazioni con grandi artisti si susseguono come le collaborazioni discografiche.  Nel 2018 incide i cori per l'album "Rive volume 1" di Fabio Curto. Nel brano " mi sento in orbita" è presente un piccolo solo con la voce graffiata.

Un incidente di percorso alle corde vocali preoccupa seriamente Elisa e mette in dubbio la sua carriera. È tempo di curare la tecnica!

"Dopo i primi anni di canto da semi-professionista, nel 2011 un episodio spiacevole sulle mie corde vocali, mi ha convinto che fosse ora di intraprendere gli studi di tecnica vocale, per preservare la mia voce e scoprire nuovi suoni possibili. Oltre la tecnica vocale e lo studio del Gospel, mi sono concessa di riscoprire la voce come un dono e come uno strumento di guarigione, iniziando un percorso sul potere della voce olistica a Perugia nel 2016. Incontrando maestri che vivono la loro voce come uno strumento olistico per accrescere il benessere personale (Igor Erzendam, Arianna Artioli, Claudia Bombardella, Rosa Medina, Roberto Panzanelli, Claudia Fofi, etc..)"                                                        

Una vera e propria virata nella carriera della Brown che punta su percorso formativo con professionisti di ogni genere." Ho avuto la fortuna di incontrare maestri speciali, ognuno con il suo ruolo, come Ivo Scalercio nel mondo della musica Jazz, mi ha permesso di salire sul palco del Teatro Rendano  con Cicci Santucci, Gegè Munari e Giorgio Rosciglione : rappresentanti del più storico Jazz italiano. Da un po' di tempo ho ripreso a studiare il Jazz con la grande Greta Panettieri."                                                                                                                                                                                                                        L'amore per il Gosperl le ha permesso di seguire numerosi seminari in tutta Italia fino a specializzarsi come performer e direttrice corale. "Quando viaggi per l'Italia incontri artisti di ogni tipo, voci splendide e direttori musicali e corali straordinari. Io mi sono rapportata con il grammy award Vaughan Phoenix, Trini Lopez Massie, Leon Lacey, Bishop Joel Polo, Ron e Rod Hubbard, Keith Moncrief, Elgin Johnson, Knagui, Cheryl Porter, Angie Cleveland, Jared White, solo per citarne alcuni!" "La mia passione per l'organizzazione di eventi, ha fatto di me anche una direttrice artistica, che sogna sempre di accrescere il proprio bagaglio culturale, e che ha ideato e collaborato alla realizzazione di grandi eventi in Calabria (Blowing on Soul Gospel Meeting, Cosenza si smuove, Going to Gospel, Le colline del Jazz)."                                                            

Gli studi della voce hanno portato Elisa Palermo Brown a diventare un' Operatrice Olistica specializzata nella voce e nel suono (certificata qualitativamente da Siaf Italia). Riesce così a ideare un suo metodo intensivo per l'apprendimento di brani corali, basato su tecniche olistiche, che ha chiamato "Il Canto dell'Anima – Soul Singing".

Su cosa si basa il metodo olistico Soul Singing?                                                                                                       

Questo metodo si basa in modo particolare sul vivere un'esperienza sonoro/corporea, attraverso la storia della musica afro-americana, dando la possibilità di liberarsi da tutte quelle emozioni che non ci permettono di vivere il canto in libertà. Ad oggi porto questo metodo nei cori gospel di cui mi occupo (Soul & Joy – Roma, Soul Sighs – Cosenza, Sea Soul – Scalea)  e nei lavori di gruppo finalizzati all'apprendimento di canti corali ( Perugia, Cagliari, Cosenza, Treviso, etc) ."Amo moltissimo i suoni della terra, e da un pò studio le tecniche sciamaniche per esplorarle e ritornare alle radici del suono, per lo stesso motivo mi sono riavvicinata al canto popolare, esplorando i suoni del mondo e delle diverse etnie, un percorso che sento essere all'inizio di un'avventura meravigliosa."

Il primo album di Elisa Palermo esce nel 2018 con il titolo "YRROS". "Sorry" scritto al contrario ( scusa in inglese) per tutte le volte che non  ci scusiamo con noi stessi per non aver creduto nei nostri sogni.  I brani sono quasi tutti inediti e composti a quattro mani con Alessandro Iorio, compagno di vita e di musica. L'album racchiude le sonorità Soul, Funky,Jazz, Blues e a tratti anche dal Rock che caratterizzano il timbro di voce della Brown. Yrros rappresenta un punto di svolta, un nuovo inizio per la cantautrice cosentina:  "ho messo un punto alla vecchia vita in cui non mi amavo abbastanza  e spero arrivi a tutti il messaggio che,  per essere felici ogni giorno, bisogna scegliere di conoscersi e amarsi un po' di più, con il coraggio di svegliarsi per realizzare i propri sogni."

                                                    

    1.png8.png1.png0.png9.png8.png
    Today136
    Yesterday806
    This week942
    This month12299
    Total181098

    15-10-2019